Pòtschhus – Valle dei mercanti


Descrizione:

Questi abiti e questi libri raccontano la storia dei gressonari che non risiedevano tutto l'anno nella valle del Lys, perché si muovevano per affari, a seguito della piccola era glaciale. La valle del Lys un tempo veniva chiamata "Krämertal", ovvero valle dei mercanti.
I walser sono noti per il commercio di stoffe. Si spostavano con delle valigette con il campionario della merce e proponevano i prodotti principalmente in Svizzera e nelle aree germanofone dell'arco alpino, proprio perché la lingua parlata dai walser deriva dal tedesco. Molti gressonari stavano lontano da casa per molto tempo, questi lunghi viaggi tenevano gli uomini lontani dalle famiglie per parecchi mesi. Per questo molte mansioni della quotidianità erano svolte dalle donne.
A seguito della piccola era glaciale gli uomini di Gressoney dovettero adattarsi ai cambiamenti climatici e al forte abbassamento delle temperature. L'agricoltura e l'allevamento non erano più praticabili, così decisero di iniziare una nuova attività che gli permettesse di sopravvivere. Si dedicarono alle attività commerciali. Non fu semplice perché, come per tutte le attività, il periodo iniziale è sempre molto critico. I gressonari partirono come venditori ambulanti, vendendo merci di prima necessità e poco costose, oggi li chiameremmo "vu cumpra". Questo non fermò i walser, che tenacemente riuscirono negli anni a ritagliarsi degli spazi nelle piazze e nei mercati e, in alcuni casi, ad aprire dei veri e propri negozi. Si specializzarono nel commercio di stoffe, in particolare di lana, seta, cotone e lino. Per questo motivo la valle di Gressoney per lungo tempo è stata indicata nelle carte geogafiche come Krämertal.
Per continuare in modo proficuo queste attività i gressonari investirono molto nell'istruzione dei bambini e delle bambine, perché sarebbero dovuto diventare venditori e coloro, soprattutto le donne, che rimanevano a Gressoney dovevano essere in grado di portare avanti la casa. Tutti dovevano necessariamente imparare a leggere, scrivere e fare di conto. La valle di Gressoney in quegli anni era la più alfabetizzata dell'intera Valle d'Aosta, sia tra la popolazione maschile sia femminile, consentendo agli abitanti di avere un ottimo successo negli affari, ma causò anche spostamenti definitivi. Alcuni di loro fecero fortuna e si trasferirono definitivamente nelle città svizzere o tedesche. Le bambine della valle del Lys erano le più istruite della Valle d'Aosta, il tasso di alfabetizzazione della popolazione femminile durante la prima metà del XIX secolo era pari al 56%, in altre vallate non si superava il 25%.


Corredo battesimale

Sotto la teca di vetro è presente un cuscino con una copertina rossa. Si tratta del tradizionale corredo battesimale. Ogni bambini, ancora oggi, ne possiede uno. I piccoli gressonari hanno: una cuffietta bianca di seta e pizzo, che solitamente viene...



Abiti

Questi vestiti sono stati indossati dagli abitanti di questo comune tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900. Sono tutti abiti eleganti, perché erano quelli delle feste, quelli che probabilmente lei, o i suoi genitori o i suoi nonni, chiamavano comu...



Close Menu