Percorso Adulti


Descrizione :

Benvenuto a Gressoney-La-Trinité!
Gentile visitatore è con piacere che le diamo il benvenuto a Gressoney-La-Trinité! Noi siamo Otto e Grittle. Siamo qui per accompagnarla all’interno dell’ecomuseo e per farle scoprire la storia dei walser!


Tipologia del percorso : Adulti

Wohngade (abitazione)

Il wòhngade è l'abitazione-stalla, che aveva lo scopo di sfruttare il calore degli animali. Qui si svolgevano tutte le attività quotidiane, tra la cucina, la camera da letto e la stalla. Il wòhngade ha un soffitto basso, per non disperdere il cal...



Wohngade (stalla)

Quasi tutte le famiglie walser erano proprietarie di alcune mucche, un maialino, alcuni capi di capra e/o pecora che permettevano loro di avere sempre a disposizione latte, lana e salsicce. La stalla era parte integrante dell'abitazione. Si ritiene c...



La cantina

La cantina è caratterizzata da un ambiente freddo e umido. Nelle abitazioni walser aveva la funzione del moderno frigorifero. In particolare nella cantina venivano conservati i formaggi, le uova, le patate, il vino. La carne, invece, veniva essiccat...



Il piano superiore/fienile

A differenza della cantina, questa area era molto secca e asciutta. Costantemente arieggiata grazie alle feritoie presenti nei muri. Oggi chiuse, ma all'epoca necessariamente aperte per non far marcire il fieno....



Dispensa

Come può vedere all'interno della dispensa sono presenti un armadio, una cassapanca e delle assi di legno al soffitto. In questa zona della casa, areata e asciutta, venivano conservati cereali, castagne e legumi nella cassapanca. La carne essiccata,...



Falegnameria

L'ultima zona del piano superiore della casa rurale è stata dedicata all'attività del falegname. Nella tradizione walser la lavorazione del legno è parte integrante della comunità. Come per l'area dedicata alla mietitura anche questa non era pres...



Pòtschhus – Valle dei mercanti

Questi abiti e questi libri raccontano la storia dei gressonari che non risiedevano tutto l'anno nella valle del Lys, perché si muovevano per affari, a seguito della piccola era glaciale. La valle del Lys un tempo veniva chiamata "Krämertal", ovver...



Zimmer – Büro di Heinrich Welf

Questa camera da letto e per lo studio è stata donata alla comunità di Gressoney da Heinrich Welf, gressonaro nato nel 1912, tra i fondatori del Walser Kulturzentrum, nonché presidente dal 1987 al 1999. Dopo la sua morte, nel 2004, ha voluto fare ...



I costumi

Il costume oggi viene indossato nei giorni di festa o per raccontare le nostre tradizioni. Indossarlo ci fa sentire ancora più legati alla nostra comunità alla nostra storia. Quasi tutte le bambine, le ragazze e le signore di cultura walser possied...



Il rifugio alpino

È una sala piccola e, rispetto ai canoni attuali, forse poco accogliente. In realtà questo era il ricovero di coloro che volevano attraversare il confine e valicare la montagna. Un luogo dove trovare ristoro, riposarsi e scaldarsi, dove incontrare ...



Il Monte Rosa

La montagna degli abitanti di Gressoney è il Monte Rosa, la cui cima più alta è “Punta Dufour” a 4.634 metri, seconda solo al Monte Bianco con i suoi 4.810 metri s.l.m. La vetta del Rosa domina la Valle del Lys e il suo toponimo deriva dal fra...



Close Menu